Blog

La plastica può essere utilizzata come fonte di energia?

Le enormi quantità di rifiuti che vengono prodotte ogni giorno, tra cui la plastica sono sempre più elevate e questo è un problema serio che deve essere affrontato con delle adeguate politiche ambientali per la salvaguardia del nostro pianeta.

Non solo, le città in cui viviamo ogni giorno devono fronteggiare giornalmente questo dannoso problema, ma anche i nostri mari, dove l’80% di inquinamento è fatto di plastica.

Il Mediterraneo è un mare chiuso e pieno di microplastica, che non è quella galleggiante, ma è fatta da microsfere invisibili, che vengono mangiate dai pesci, uccelli, tartarughe ecc. che scambiano per cibo  e di conseguenza l’uomo li introduce nel proprio organismo non solo ingerendo gli stessi organismi viventi, ma anche bevendo acqua o utilizzando il sale  nelle azioni quotidiane.

Ad oggi, la soluzione più efficace è effettuare la raccolta differenziata, dei rifiuti da parte di ogni singolo cittadino; questo metodo è la prima fase del complicato processo di riciclaggio, che purtroppo non è applicato capillarmente su tutto il territorio.

Un elemento così temibile come la plastica può essere utilizzata come fonte di energia?

La risposta è si , utilizzando ad esempio  il termovalorizzatore che trasforma il materiale non riciclabile in appositi forni. La loro combustione produce calore che andrà a riscaldare l’acqua contenuta in una caldaia. L’acqua si trasformerà in vapore ad alta pressione che produrrà energia elettrica.

Analogamente a quello che avviene per i termovalorizzatori, si possono trasformare i rifiuti in energia utilizzando gli impianti a Biomassa in cui i rifiuti che costituiscono il “combustibile” sono residui forestali, agricoli, scarti alimentari e rifiuti organici di varia natura.

Purtroppo, queste soluzioni alternative non sono ben viste da molti, in quanto questi strumenti, nonostante producono energia nel loro processo di lavorazione emettono nell’atmosfera diossina altamente nociva alla salute che nel lungo termine possono portare malattie mortali.

Vuoi approfondire l’argomento? Vai al seguente link: http://www.lastampa.it/2016/04/05/scienza/ambiente/focus/carburanti-del-futuro-gasolio-dalla-plastica-riciclata-grazie-a-una-startup-uEDsCsGiX6I462zl5Cb3GJ/pagina.html

L’elemento finale di tutto il processo di lavorazione è l’elettricità , perciò vieni a visitare il nostro sito www.foral.org sulla sede di Novi Ligure per scoprire questa affascinante “materia”

No comments yet! You be the first to comment.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *